I nostri figli? Prendiamoli… con filosofia!

Written by on 4 febbraio 2014 in Educazione - 4 Comments

… con filosofia? E cosa c’entra la filosofia con i nostri figli? Cosa c’entra la filosofia con l’educazione?
C’entra, e anche parecchio! Leggere per credere…

Dovete sapere che la scintilla che fa nascere la filosofia altro non è che la curiosità, quella voglia di capire, scoprire e conoscere tutto ciò che ci circonda.
Ebbene, chi sono i campioni di questa volontà di conoscere e domandare? Chi, con gli occhi luccicanti e il sorriso pronto ad aprirsi, rimane stupito davanti a ogni cosa, fibrillante di fronte alle novità più piccole, affamato di risposte e di attenzione?

Sono certa che immediatamente nella vostra mente è comparsa l’immagine di quella peste patentata che vi gira per casa, magari chiedendo ventidue volte al secondo “Cos’è?” “Dov’è?” “Perché?“. I veri filosofi sono loro, i bambini, i nostri bambini, spesso i più piccoli, quelli da cui non ti aspetti quella domanda, quell’intuizione, quella parola che ti svela la loro infinità capacità di ascolto e di ricerca. I bambini sono i curiosi per eccellenza, i filosofi per eccellenza.
Mai stanchi di chiedere, sempre pronti a interagire, perennemente con le antenne tese a recepire i segnali circostanti. Comprendere questa loro natura “interrogante”, mix esplosivo di entusiasmo e desiderio, è oggi più importante che mai: in una realtà che vuole le nuove generazioni passivamente silenziose e indifferenti, lasciare ai nostri bambini la possibilità di chiedere e di chiederci sul mondo che gli sta intorno rappresenta una vera occasione per renderli pronti ad affrontare il domani armati di consapevolezza e vitalità.

La filosofia ha molto da offrire a coloro che devono crescere ed educare i più piccoli: la filosofia regala parole nuove, pensieri interessanti, storie incredibili. La filosofia dona domande e risposte, apre dialoghi e confronti, crea legami, unisce opposti. Se educare significa condurre, farlo con filosofia vuol dire condurre su una buona strada, dove i genitori possono prendere per mano e guardare negli occhi i loro figli, sapendo di conoscerli e di riconoscerli perché li hanno ascoltati davvero, hanno parlato con loro davvero, li hanno amati attraverso un comunicare più profondo e sentito. “Filosofia” significa “Amore per la conoscenza“: amare e conoscere vanno di pari passo e così non è possibile amare veramente i propri figli se non li si conosce, se non gli si permette loro di esprimersi secondo quello che è il loro istinto di assorbire e trasmettere saperi nuovi.

E’questo il viaggio che vorrei proporre a tutti voi, questo il cammino che dalla filosofia porta all’educazione, che dal pensiero porta all’azione, suggerendo direzioni, orientamenti, metodi e idee.
Attraverso favole e racconti, proposte e progetti, si materializzerà questo particolare modello educativo, la cui semplicità sta proprio nel suo aderire alla natura dei bambini stessi, veri e propri filosofi in miniatura.

Dunque… siete pronti? Si parte! Appuntamento sul blog di Oltre Tata!

Solo su www.educatoridigitali.it!

Basterà prenderla… con filosofia!
Elena F.

4 Comments on "I nostri figli? Prendiamoli… con filosofia!"

  1. Paolo 5 febbraio 2014 alle 14:42 · Rispondi

    Bello e molto promettente il taglio della filosofia applicata all’educazione dei figli. Da papà devo infatti ammettere che i miei 2 maschietti hanno contribuito ad “elevarmi” parecchio da quando sono nati! E di domande me ne fanno e me ne faccio molte di più di prima. E le domande stanno infatti alla base di ogni sano rapporto di comunicazione, e quindi di leadership, se vogliamo metterla da… manager. E la mia professione di coach se ne è davvero avvantaggiata. In fondo il coach è un papà (o una mamma) che “adotta” professionisti e li educa (senza pappe pronte) a ottenere i loro risultati, avendo sempre come riferimento la “persona”. Io lo faccio in campo “business”, altri nello sport, ecc. Seguirò il tuo blog e la prenderò con… filosofia!

    • Elena 6 febbraio 2014 alle 11:50 · Rispondi

      Ciao Paolo! Innanzitutto grazie per aver commentato!
      Sto per usare un aggettivo per definire la filosofia che potrebbe suonare paradossale o per lo meno strano…la filosofia è UTILE!!! Non è un astratto giro di parole o una noiosa teoria sul nulla!
      E ‘pensiero tradotto in attività, guida per un agire pensato. Dunque UTILE in molti, moltissimi contesti!
      Il mestiere di papà, proprio come tanti altri mestieri, ne possono trarre giovamento e stimoli…spero di poterti dare qualche buono spunto! :-)
      Grazie ancora e…seguimi sul blog di OltreTata!

  2. Campistri 5 febbraio 2014 alle 17:41 · Rispondi

    Ciao,
    sono un economista dunque, come potrai ben intuire, mi approccio sempre con una certa diffidenza e perplessità a tutto ciò che viene dal mondo filosofico. Devo dire però che negli ultimi anni ho rivalutato davvero tanto questo campo. Oltretutto ho scoperto che pure nelle multinazionali introducono spesso la figura del “consulente filosofico” per migliorare l’efficienza organizzativa ed il benessere aziendale. Dunque trovo assolutamente una bellissima idea quella di introdurre già sin dalla tenera età alcuni “concetti filosofici” . Stimolare i nostri bambini a sviluppare attitudini che possano accompagnarli a realizzare i propri sogni e progetti risaltando quei valori purtroppo sempre più trascurati quali consapevolezza, serietà e rispetto mi entusiasma molto. Perciò aspetto di leggere i tuoi articoli…

    • Elena 6 febbraio 2014 alle 11:53 · Rispondi

      …è bello sapere che anche un’economista può intravedere il buono che c’è in un approccio così diverso come quello filosofico! Ecco perchè desidero raccontare e far conoscere le potenzialità e le ricchezza della filosofia anche attraverso il canale educativo.
      Un bambino consapevole, critico, riflessivo sarà un adulto, e magari proprio un economista, più intuitivo, più perspicace, più vivace nel pensare e nel fare. Aprire la mente è la precisa missione della filosofia che trova nelle altre dimensioni (economica, scientifica, tecnica) alleate per migliorare e non nemiche da combattere!
      Grazie per il tuo commento, continua a seguire!

Leave a Comment