Fotografia: punti di vista!

Written by on 24 gennaio 2013 in Educazione - No comments

Chi di voi non possiede una macchina fotografica digitale compatta o un telefonino di ultima generazione con fotocamera incorporata? Quanti sono i bambini che si divertono a scattare immagini con l’una o l’altro? Credete che vostro figlio possa avere un buon occhio per la fotografia? Ed allora perché non fargli fare un corso ad hoc che gli permetta di esprimere questo potenziale?
Ascoltiamo cosa ci dice Lucia E.S., tata e tagesmutter a Roma!

Il termine fotografia deriva dal greco antico φῶς, phôs, luce e γραφή, graphè, scrittura o disegno, per cui la traduzione più adeguata è “scrivere con la luce”.
La luce diventa così mezzo di espressione, crea cromìe di colore (basti pensare ad un tramonto), forma ombre e sfuma le immagini in movimento rendendole dinamiche e molto altro ancora.
La fotografia è un mezzo espressivo non verbale, le immagini che vengono racchiuse in uno scatto diventano l’espressione di uno stato d’animo, di un impressione o di un momento, il ricordo di un istante.

Alcuni bambini si esprimono attraverso la danza, la musica o la recitazione; altri invece hanno bisogno di una altro mezzo che li aiuti ad esprimere se stessi e la loro fantasia. Molti bambini avvertono la necessità di comunicare uno stato d’animo profondo non esprimibile attraverso il linguaggio, ma non possiedono gli strumenti adatti allo scopo. La fotografia, in questo senso, può essere una valido mezzo sopratutto perché unisce la tecnica al gioco, quindi il bambino impara giocando, davvero! 
Infatti con l’insegnante di fotografia i vostri bambini potranno imparare ad usare con le tecniche base la loro macchina fotografica, ma soprattutto impareranno ad esprimere le loro emozioni attraverso di essa. Inoltre non va sottovalutato il fatto che, nonostante la tenera età, tutti i bambini sono in grado di assimilare con entusiasmo, felicità e velocità le nozioni per imparare qualunque tipo di cosa, non sono ancora contaminati dall’uso stereotipato dell’immagine ma sono aperti alla fantasia.
Esistono diverse scuole di fotografia o associazioni che ultimamente stanno dando maggiore spazio anche ai corsi per i più piccoli, basta informasi presso le strutture della vostra città.

Scattare le prime foto è molto emozionante, porta a scoprire il mondo che ci circonda da nuove prospettive, da diverse angolazioni e punti di vista. I bambini impareranno a guardare le cose a loro familiari con occhi nuovi, svilupperanno il loro spirito di osservazione e impareranno a usare la macchina fotografica in modo consapevole. Fare una foto insegna a prendere decisioni perché per ogni clic che si scatta porta a chiedersi “qual è il soggetto principale?”, “cosa voglio mettere in evidenza?”, “quale sensazione può trasmettere?”.
Inoltre i bambini, anche i più timidi, possono mostrare il loro sguardo sul mondo “nascondendosi” dietro la macchina fotografica. La soddisfazione che deriva dalla riuscita della foto aiuta ad accrescere la fiducia in sé stessi e si impara a esprimersi usando la creatività.

Alcuni corsi sono addirittura rivolti sia ai genitori che ai bambini: vedrete che i vostri figli vi stupiranno non per la perfezione delle loro fotografie, ma per l’immagine che hanno catturato, magari per un particolare o un determinato colore. 
Attraverso le loro fotografie potrete comprendere ancora di più cosa racchiudono in se stessi, inoltre l’approvazione di un comportamento o di un lavoro ben fatto aumentano l’autostima che il bambino ha di se stesso, rendendolo più sicuro in ogni ambito della sua vita. Il genitore quindi può aiutare il proprio figlio nella scelta delle immagini più belle, dove per “più bello” si intende “più emozionante”, abbandonando quindi il concetto classico di bellezza.
Imparare a “leggere” le foto di vostro figlio, vi aiuterà di certo a rafforzare il vostro legame e sopratutto a conoscere meglio i suoi stati d’animo.

Considerate, inoltre, che la fotografia può diventare anche un lavoro, basti pensare alle sue applicazioni sul web, nella pubblicità, nel campo artistico, nella moda e tanto altro ancora.
E’ un ambiente in continuo mutamento!

Ma ciò che conta di più è che la fotografia è divertimento! Con una piccola macchina fotografica si possono inventare tanti giochi e non annoiarsi mai! Avete mai pensato a fare le foto alle ricette cucinate a casa? Potete stamparle e fare un calendario da appendere in cucina!
Oppure scegliere un colore e fare foto di soggetti tutti diversi che hanno come filo conduttore proprio quel colore! Potete inventare un’infinità di giochi, anche perché più scatti si fanno, maggiore è l’autocritica verso se stessi, in quanto le ultime foto saranno sempre più belle di quelle fatte all’inizio. E’ l’unico modo per vedere dei progressi!

Se volete far “allenare” la mente del vostro piccolo fotografo, fategli vedere tante foto, anche di fotografi famosi. Comprate libri o più semplicemete andate sul sito di agenzie famose come Contrasto o Magnum, scegliete un tema adatto (paesaggio, ritratto o altro) e mostrate loro le foto. Potete anche commentarle insieme, in questo modo vostro figlio potrà farvi domande, potrà crescere e maturare….del resto anche l’occhio vuole la sua parte!!

Lucia E.S.

Foto by lindsayΔlachance

Iscriviti ad Oltre Tata e trova l’educatrice! Semplice sicuro e vicino a te!

 

 

Leave a Comment