Cerchi la baby sitter sul web? Segui alcune semplici regole.

Written by on 19 marzo 2012 in Guide - 1 Comment

La tua rete di contatti “faccia a faccia” non ha dato i frutti che speravi e sei ancora alla ricerca disperata di una persona competente che si occupi di tuo figlio. La soluzione al tuo problema può essere internet, basta solo seguire alcune semplici regole.

Affidati a siti seri e credibili. Dietro ad ogni sito ci sono delle persone. Valuta chi sono, cosa fanno, la loro presenza sul web, la loro partecipazione attiva su blog, facebook, twitter, le loro competenze, la passione che mettono in quello che fanno, il loro “metterci la faccia”, la disponibilità che hanno nei confronti degli utenti ed il rapporto che instaurano con loro.

Pubblica il tuo annuncio. Specifica quali sono i tuoi bisogni ed inserisci più dettagli possibili, in modo che le candidate possano verificare la loro compatibilità con le tue esigenze prima di candidarsi. I tempi in questo modo si accorciano e contatterai solo le baby sitter interessate.

Una volta ricevute le candidature, leggi i profili e valuta alcune caratteristiche importanti:

  • La formazione. Poni attenzione alla tipologia di scuola superiore e al percorso universitario, ai tirocini formativi ed ai corsi inerenti all’infanzia che l’educatrice ha frequentato. Eventuali corsi di primo soccorso o disostruzione pediatrica potrebbero darti una sicurezza in più.
  • L’esperienza. Leggi da quanto tempo fa questo lavoro, con quante famiglie ha collaborato, di quanti bambini si è occupata e di che età. Sapere che ha lavorato in asili, scuole, ludoteche, come insegnante, educatrice di sostegno ecc. ha un certo valore. Non bisogna però dimenticare che anche l’impegno e la volontà nel cominciare è da apprezzare.
  • La descrizione di sé. Fermatevi ad osservare e a riflettere sul modo in cui si presenta, quali aspetti di sé sottolinea, se parla solo del lavoro che svolge o trasmette anche le emozioni e la passione con cui lo vive, se il suo linguaggio è freddo e distaccato o caldo e accogliente. Questi apetti ci guideranno al momento del primo colloquio.
  • La presenza sul web. Può esserti utile sapere quanto l’educatrice è attiva sul web, se partecipa a gruppi di discussione e di confronto, se esprime il suo parere e si confronta su tematiche interessanti, se scrive articoli in cui esprime le sue idee e racconta le sue modalità di relazione con i bambini.
  • La passione. E’ un elemento da non sottovalutare, poiché in questo lavoro è fondamentale. Chi lavora a contatto con i bambini deve riscoprirsi ogni giorno e mettersi continuamente in gioco. Deve permettersi di essere “bambino” ed entrare nel mondo dei piccoli, ma con la consapevolezza e la responsabilità dell’adulto.

Seguendo questi parametri, possiamo orientarci meglio nella scelta e possiamo avere delle informazioni che ci serviranno nei primi incontri che faremo con le educatrici che ci sembrano più idonee. Ci sono però delle caratteristiche e degli aspetti che sono molto più personali, diversi per ognuno di noi, che rispecchiano i bisogni ed i gusti di alcuni, ma non di altri. Non a tutti piacciono le stesse cose! Quindi ognuno sceglierà secondo la sua personalità e secondo il proprio modo di vedere le cose.

Buona ricerca su Oltre Tata

Chiara Riccardi

One Comment on "Cerchi la baby sitter sul web? Segui alcune semplici regole."

Trackbacks for this post

  1. Cosa chiedere e cosa osservare nel primo colloquio con la baby sitter | Educatori Digitali

Leave a Comment